Ad Pesonam Azienda dei servizi alla persona del comune di Parma

NEWS


» Archivio news

 
I primi sei mesi dello sportello Clissa

Un numero crescente di famiglie è in cerca di persone capaci di accudire loro cari in condizione di fragilità, ma chiedono garanzie sulla preparazione, la serietà e l'affidabilità delle assistenti. A questa necessità ha iniziato a rispondere lo sportello Clissa, un servizio voluto dai Comuni del Distretto di Parma, promosso dal Comune di Parma e gestito dall'Asp Ad Personam, che si propone di formare adeguatamente le assistenti familiari e di favorirne l'incontro con le famiglie di Parma, Colorno, Mezzani, Sorbolo e Torrile che ne ricercano l'aiuto.

Si è concluso oggi, con la consegna degli attestati di partecipazione, il secondo corso per la formazione di assistenti familiari. Un altro corso inizierà alla fine di novembre, mentre un primo gruppo di persone interessate aveva seguito le lezioni nel corso dell'estate. Arriva così a 180 il numero di assistenti familiari accolte dallo sportello Clissa. Persone competenti e con referenze verificate, disponibili a rispondere ai bisogni di cura a domicilio di anziani e diversamente abili.

Lo sportello Clissa ha iniziato a funzionare nel maggio di quest'anno. Il suo primo obiettivo è stato proprio il formare una numero adeguato di assistenti familiari, attività che proseguirà anche nel 2018. Nel frattempo, però, si è avviata anche la consulenza alle famiglie in cerca di una cosiddetta “badante”. Sono già 80 le famiglie del Distretto di Parma che si sono avvalse degli esperti di Clissa per gestire le loro situazioni di bisogno. Molte di loro hanno poi avviato una collaborazione con una delle assistenti familiari preparate dallo stesso sportello.

Gli attestati di frequenza al corso per la formazione di assistente familiare sono stati consegnati da Laura Rossi, assessore al Welfare del Comune di Parma, e da Stefania Miodini, direttore dell'Azienda di Servizi alla Persona Ad Personam. La consegna è avvenuta nel corso di una breve cerimonia presso la sede cittadina dello sportello Clissa, in via Leonardo Da Vinci, 32.

"E' facile prevedere – osserva il direttore Miodini – che in futuro la necessità di assistenti familiari sarà anche maggiore di oggi. Era urgente aggiungere professionalità al lavoro di chi risponde a questa necessità, così come è importante creare una ampia rete attorno all'assistenza famliare. Lo sportello Clissa già oggi coinvolge enti, volontariato, operatori e famiglie, una serie di rapporti che aiutano chi ne fa parte".

"Lo sportello Clissa – afferma l'assessore Rossi – coglie in pieno un'esigenza oggi diffusa fra le famiglie di Parma. Per la prima volta, stiamo rispondendo in modo qualificato ad un bisogno da tempo manifesto, come dimostra la significativa adesione a questo nuovo servizio, sia da parte di persone che lavorano come assistente familiare, sia da parte delle famiglie. È importante dare visibilità all'opera delle assistenti familiari, che prestano un aiuto essenziale a tante persone. Lo sportello fa parte dei Punti di comunità, che nel tempo ci permetteranno di monitorare le esigenze di vulnerabilità e fragilità a Parma".

Le assistenti familiari sono per lo più donne, di età anche molto diverse (fra i 25 e i 60 anni), provenienti da vari Paesi fra Est Europa, Sud America e Africa. Diverse di loro hanno già un curriculum professionale legato alla cura della persona, con qualifica di Oss o esperienza pluriennale come badante.

La formazione delle assistenti familiari mira ad elevare la qualità del servizio di badantato a Parma, ma anche a fornire garanzie reciproche alle stesse assistenti e alle famiglie che le assumono. I corsi di formazione si compongono di lezioni frontali e lezioni on line attraverso la piattaforma Self e-learning messa a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna, con una prova finale. Sono state affrontate questioni come “Relazione & Salute”, “Igiene della casa”, “Dieta e alimentazione dell’anziano”, “La demenza”, “La movimentazione”, “L’animazione”, “Il lavoro in Italia”, eccetera. Le famiglie che godranno dei servizi delle assistenti familiari di Clissa, avranno la certezza di avere a che fare con persone competetenti e informate.

Inoltre, lo sportello Clissa sta dando vita ad una rete di istituzioni e servizi che ne supportano l'attività: oltre ai cinque Comuni promotori e Ad Personam, lo sportello funziona grazie alla collaborazione del Centro per l'impiego, di volontari dei punti di comunità e delle associazioni Aima e Aisla. Lo Sportello collabora con l’Azienda Usl e col Servizio Sociale territoriale ed arricchisce così la rete dei servizi presenti sul nostro territorio a disposizione della cittadinanza.

Per accedere a questo servizio – sia come famiglia in cerca di un'assistente familiare sia per diventare assistente familiare – ci si può rivolgere allo sportello Clissa di persona o telefonicamente (n.° 338 36 26 241) negli orari di apertura al pubblico:
a Parma in via Leonardo da Vinci, 32, lunedì e venerdì dalle 8,30 alle 11,00; mercoledì dalle 12,00 alle 14,30; giovedì dalle 14,00 alle 18,00
a Colorno presso la residenza San Mauro Abate, martedì dalle 9,00 alle 12,00 e dalle 14,00 alle 15,30.

I primi sei mesi di attività dello sportello Clissa:
180 assistenti familiari accolte
80 assistenti familiari formate direttamente (compreso il 3° corso di fine novembre)
20 assistenti familiari con precedente attestato di Oss
20 assistenti familiari con precedente esperienza pluriennale
80 famiglie accolte allo sportello per consulenza
40 famiglie che hanno inserito una assistente familiare di Clissa

Chi siamo
Statuto e regolamento
Organigramma
I nostri servizi
Carta dei servizi
Patrimonio artistico